Locandina lUomo che piantava gli alberoUna parabola sul rapporto uomo-natura, una storia esemplare che racconta “ come gli uomini potrebbero essere altrettanto efficaci di Dio in altri campi oltre la distruzione”.
Il racconto viene letto integralmente dall’alternarsi delle due voci narranti, accompagnate dalle suggestioni sonore create dal vivo. La narrazione lascia talvolta spazio a momenti di danza.
[lettura teatrale, musica] [45 minuti] [video] [foto]
Prossime date
 
 

Titolo del Testo

L’uomo che piantava gli alberi

Autore del Testo

Jean Giono

Edizioni

Salani

Genere

Racconto allegorico breve

Sinossi

Durante una delle sue passeggiate in Provenza, l’autore incontra una personalità indimenticabile: un pastore solitario e tranquillo, di poche parole, che prova piacere a vivere lentamente, con le pecore ed il cane. Nonostante la sua semplicità e la totale solitudine nella quale viveva, quest’uomo stava compiendo una grande azione, un’impresa che avrebbe cambiato la faccia della sua terra ed il futuro delle generazioni future. Piantava alberi, migliaia di alberi che sarebbero diventati il cuore verde di quelle valli arese dal sole e spazzate dal vento. Una parabola sul rapporto uomo-natura, una storia esemplare che racconta “ come gli uomini potrebbero essere altrettanto efficaci di Dio in altri campi oltre la distruzione”.

Tecnica

Il racconto vene letto integralmente dall’alternarsi delle due voci narranti, accompagnate dalle suggestioni sonore create dal vivo. La narrazione lascia talvolta spazio a momenti di danza che in sintonia con l’evoluzione del racconto trasforma l’intero spazio scenico in un bosco.

Interpreti

Lettori

Massimo Mosele

Gianmaria Dani

Musicisti

Emilia Gasparini

Violino

Chiara Gasparini

Clarinetto

Coreografie e danza

Giulia Carli

Scene

Graziano Coltri

Durata dello spettacolo

45 min

Atti

Unico

Necessità Tecniche

Impianto Voci (due microfoni)

Impianto Luci (due punti luce fissi)

Spazio scenico (8x4)m

 
Dove siamo stati
Sabato 11 maggio ore 15 a Pressana (VR)