[prossimamente]>>>

  
  
Femene 2
Maschi che “s”parlano delle femmine, Femmine che “s”parlano dei maschi ... Per celebrare al fine la vita che contempla l'unione dei due esseri. Commedia popolare in lingua veneta ambientata nel 1938
[Commedia dialettale] [90 minuti] [video] [foto]
 
PROSSIME DATE
Sabato 11 novembre 2017 ore 21 a Perzacco di Zevio (VR) 

Trama

Le donne del paese decidono di partecipare, senza dirlo ai mariti, alla gara di ballo riservato alle massaie rurali della provincia di Verona indetto dal podestà su generosa proposta della Nobildonna Contessa Nora Giusti del Giardino. Gli uomini scoprendo l'intenzione delle mogli decidono di concorrere a loro volta con la precisa intenzione di vincere e di dare una lezione alle femmine! Ci riusciranno?

Note di regia

Nella storia del teatro, prima di trovare un accenno ad una figura femminile, bisogna arrivare al tempo della Commedia dell’arte, quando si parla di alcune donne in qualità di attrici, e poi inoltrarsi nell’Ottocento dove finalmente le cronache sono costrette a registrare con frequenza qualche nome. Idem dicasi per la voce autrice. Per molti secoli non c’è.
All’inizio del teatro occidentale, gli autori, per le loro tragedie imperniate sui grandi temi della vita, sui sentimenti e sugli eventi di guerra e di pace, non potevano evitare di dare alla donna (madre, sposa, figlia) un ruolo decisivo. Tuttavia, ad interpretare le parti femminili erano uomini. Eppure, delle opere del teatro greco antico che conosciamo, quasi la metà hanno titoli femminili.
Il teatro greco infatti è ricco di figure femminili memorabili: Medea, Elena, Fedra, Antigone, Elettra, Ecuba. Paradossalmente, mentre il ruolo pubblico delle donne nell’antica Grecia era ridottissimo, i personaggi femminili rivestono un’enorme importanza nei testi letterari. Se nell'Atene di età storica le donne erano giuridicamente e politicamente marginali, nella letteratura che parlava di Micene e di Troia, di Corinto e di Tebe, le donne contavano: scatenavano guerre (Elena), sfidavano i sovrani (Antigone), si ribellavano ai mariti (Medea). Gli aspetti del comportamento femminile esplorati nel teatro classico mettevano, dunque, in scena inquietudini fortissime. Il paradosso più grande consiste proprio nel fatto che questi personaggi femminili “forti” erano recitati da attori maschi (come accadrà poi nel teatro di Shakespeare, sebbene vi sia qualche elemento per sospettare che vi fossero donne che recitavano, illegalmente, mascherate da uomini)
Platone, nella Repubblica, criticava questa pratica: chi recita personaggi moralmente condannabili o psicologicamente deboli (come una donna che si dispera per amore) acquisisce le loro caratteristiche anche nella vita reale.
Dopo questa prefazione potreste immaginare, a ragion veduta, che lo spettacolo che vi apprestate ad assistere, possa in qualche modo avere a che fare con motivazioni o fatti della storia del teatro.
Invece, ciò che ci ha spinti in quet'impresa è una ragione molto, molto più semplice:Recitare una parte del sesso opposto per l'effetto comico è una lunga tradizione del teatro comico.
Se poi riusciamo a far passare il concetto dell'accettazione delle reciproche diversità come ricchezza, il fatto che le bugie costruiscono castelli di sabbia e magari accade che si concretizzi il sopracitato pensiero di Platone “ :) “ , allora avremo fatto centro!
Clara

Femene

'na lagrima che sbrissia
ma che suito se suga
butini che core intorno
e tuti insieme i suga
robe fate a olte de scondon
ma solo par 'na bona rason
sento mestieri tuti smisiai
par mandar 'vanti la fameia
pochi lamenti e tanti fati
l'e proprio 'na meraveia
parole sercà par sciararse
par no' cascar nele farse
'na caressa sempre pronta
e la porta sempre verta
profumo in te la casa
e sempre calda 'na cuerta
ci sarà 'sta creatura del mondo?
Tuti...
parchè semo tuti un poco femene...in fondo!

Informazioni

Autore

Clara Sartori

Genere

Commedia popolare

Lingua

Dialetto veneto

Durata

Due atti (Circa 1 ora e 30 minuti)

Altre Info

Canti dal vivo

Cast

Aspirante regista

Clara Sartori

In scena

Marino Preite, Angelo Dalli Cani, Umberto Zamboni, Narciso vesentini, Vale Brumey, ValeriaTerron, Andreina Lorenzoni, Sara Mazzei, Mariarosa Barbi.

Con la pertecipazione di Luna Conati, Davide Bettonte, Jessica Stoican.

Tecnici

Federico Bettonte

Musiche dal vivo

Coro “ I vilan de la Bastiola” con il maestro Ernesto Guerriero

Coreografa-costumiste

Pierina Fochesato Flaviana Conforto

Scene

Augusto Bettonte

Grafica

Riccardo Dalli Cani

Scheda tecnica

Contesto

Teatro o palco all'aperto o al chiuso

Palco

Minimo 6 m di larghezza per 5 m di profondità

Impianti

La compagnia è indipendente per l'impianto luci e audio

Carico elettrico

min. 8 kw, volts 380 3P+N+T. Presa pentapolare 32 A a palco

SIAE

Testo e musiche non tutelati

Costo

Da concordare ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 3298821528)

Dove siamo stati

Sabato 31 agosto 2013 a Castelcerino di Soave (VR)
Domenica 30 marzo 2014 a San Bonifacio (VR)
Venerdì 23 maggio 2014 a Lonigo (VI)
Giovedì 17 luglio 2014 a Castelcerino di Soave (VR)
Sabato 24 gennaio 2015 a Villabartolomea (VR)
Sabato 31 gennaio 2015 a Gazzo Veronese (VR)
Venerdì 19 luglio 2015 a Cogollo di Tregnago (VR)
Giovedì 21 luglio 2016 ore 21 a Castelcerino di Soave (VR)
 

Teatroprova è una associazione artistica amatoriale senza fini di lucro che opera in tutto l'est veronese grazie all'impegno volontario dei soci.

Il ricavato delle iniziative e degli spettacoli serve unicamente per le future attività della associazione

TeatroprovaNews

Iscriviti per rimanere informato


Ricevi HTML?

.... e se diventi "Amico del Teatroprova" entri a teatro a prezzo ridotto (Leggi tutto)
diventa AMICO DEL TEATROPROVA

(Cancella la tua iscrizione)

Teatroprova è affiliata

[Agenda]>>>